ummagumma

Forum di discussione creativa e divulgazione sociale
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 la pellicola di Frank Miller: un ibrido tra film "normale" e fumetto

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Arbe
Admin
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 328
Età : 33
Località : Livorno
Data d'iscrizione : 26.10.08

MessaggioTitolo: la pellicola di Frank Miller: un ibrido tra film "normale" e fumetto   Lun Dic 22, 2008 8:12 pm

Le tre attrici, bellissime e fasciate in look stravaganti, sono le interpreti femminili
della pellicola di Frank Miller: un ibrido tra film "normale" e fumetto
Scarlett, Eva Mendes e Paz Vega
dark ladies estreme in "The Spirit"

Protagonista un ex poliziotto che rinasce e combatte il crimine
Il film esce nelle sale di tutto il mondo il giorno di Natale
di CLAUDIA MORGOGLIONE


ROMA - E' l'unico kolossal made in Usa di questo Natale cinematografico. Ma The Spirit di Frank Miller, noir iper-stilizzato e ironico tratto dalle strisce disegnate negli anni Quaranta da Will Eisner, non è un blockbuster "normale". Primo, per lo stile visivo: una sorta di ibrido tra film e fumetto. Secondo, per le atmosfere molto dark e assolutamente non realistiche in cui si muove il protagonista, un ex poliziotto morto e rinato come giustiziere della notte. Terzo, perché l'eroe e il malvagio di turno (Samuel L. Jackson) sono circondati da un gruppetto di donne bellissime, supersexy, determinate. Immortalate dalla telecamera con gusto decisamente voyeur.

E del resto, scorrendo i nomi delle componenti femminili del cast - Eva Mendes, Scarlett Joansson, Paz Vega - si capisce il perché: parliamo di star dal fascino conturbante, immancabilmente mostrato nei film che interpretano. E Miller - grande fumettista, alla sua prima regia individuale dopo le esperienze in Sin City e 300 - non fa certo eccezione. Anzi...

Già. Perché Miller, alle tre dive di turno - affiancate da altre attrici tutte rigorosamente belle, e cioè Sarah Paulson, Jaime King e Stana Katic - regala qualcosa di più di una semplice esplorazione della loro bellezza. E cioè quel gusto speciale, irreale, sopra le righe proprio del fumetto: trucco pesantissimo, look decisamente esagerati, comportamenti estremi. Risultato: una Eva Mendes avvolta in una luce dorata, con l'aspetto di pantera, spesso inquadrata col lato B in evidenza; una Scarlett Joansonn cattivissima con look da sexy maestrina sadomaso; e una Paz Vega con costume da danzatrice del ventre, sensuale e pericolosa.

Tre dive che si impongono all'attenzione dello spettatore. Perfino in un film come questo, in cui i due personaggi principali - il protagonista, Spirit, e il suo antagonista malvagio, Octopus - sono decisamente maschili. Mascherina sugli occhi, abito nero, scarpe bianche e cravatta rossa "colorata" come in un cartoon, il nostro eroe - interpretato da un attore decisamente poco conosciuto, Gabriel Macht - si muove nella sua amatissima città, Central City (visivamente ispirata a Manhattan), a caccia di criminali. A cominciare proprio da Octopus (Samuel L. Jackson), aiutato dalla sua assistente Silken Floss (Scarlett Johansson), e impegnato a cercare la sostanza che gli garantirebbe potere eterno. E quale sorpresa, per il nostro Spirit, scoprire che nella vicenda è coinvolto il suo grande amore adolescenziale, la ladra di gioielli Sand Saref (Eva Mendes...).

Il tutto, in un mix di atmosfere dark che citano i classici del noir, e con voce fuori campo e dialoghi spesso ironici e improbabili. E con uno stile che ricorda, estremizzandolo, quello di Sin City: attori in carne e ossa, ma immersi in scenografie tutte ricreate al computer. Un mondo in cui le donne sono vestite da sera, gli uomini hanno completi eleganti e cappelli, i taxi sono quelli lucidi degli anni Cinquanta; ma in cui ci sono anche cellulari, clonazioni e altre invenzioni contemporanee.

Vedremo se questo ibrido, questo mix, piacerà al pubblico di mezzo mondo, come sperano i distributori della Sony Pictures: il film esce il giorno di Natale. Qui in Italia, e nel resto del mondo.

(19 dicembre 2008)

fonte: la repubblica.it

_________________
Charles De Gaulle: Ho contro di me i borghesi, i militari e i diplomatici, e dalla mia parte solo le persone che prendono la Métro.
Erich Fromm: Il rivoluzionario che ha avuto successo è un uomo di stato, quello che non ha avuto successo è un criminale.
Abraham Lincoln: La democrazia è il governo del popolo, dal popolo, per il popolo.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.myspace.com/ummagummaforum
Lady Marian

avatar

Femmina
Numero di messaggi : 142
Età : 29
Località : è un segreto!!! shhhh
Umore : lunare
Data d'iscrizione : 28.10.08

MessaggioTitolo: Re: la pellicola di Frank Miller: un ibrido tra film "normale" e fumetto   Ven Gen 02, 2009 12:57 am

ke noia!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://marianna-pink.spaces.live.com/default.aspx
 
la pellicola di Frank Miller: un ibrido tra film "normale" e fumetto
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Amplificatore ibrido Magnat rv3 consigli
» amplificatore ibrido valvole e mosfet
» (GO) Ampli integrato ibrido Magnat RV3(RITIRATO)
» PEACHTREE NOVA 125 AMPLIFICATORE INTEGRATO IBRIDO CON DAC INTERNO
» Integrato ibrido XINDAK XA 6900 MY 2014

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ummagumma :: Arte & affini :: Film-
Vai verso: